spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

sabato 11 ottobre 2014

L’ambiguità della NATO

L’ambiguità della NATO

OTTOBRE 11, 2014
Valentin Vasilescu – Reseau International
4 ottobre 2014











Una volta superata la propaganda delirante che invase i media romeni dopo il vertice NATO in Galles, i romeni iniziano a capire che Basescu ha sempre bluffato. Il comando tattico proposto e ottenuto dalla Romania non ha alcun significato militare. In realtà è un raduno di 25-30 ufficiali della NATO che scarabocchiano e giocano con le carte di piani operativi inutili. Questo comando tattico senza truppe (come quelli che saranno attuati in Polonia e Paesi baltici), è subordinato a un altro comando operativo della NATO in Italia. La decisione di finanziare, costruire ed usare equipaggiamenti militari, munizioni e soldati in tali presunte basi militari della NATO in Europa deve rispettare gli interessi statunitensi sotto l’egida dell’USEUCOM-Europa, responsabile delle operazioni militari dell’US Army nel teatro europeo. Ciò è stato affrontato in questo articolo.
La decisione annunciata da Rasmussen, al vertice della NATO, non corrisponde affatto all’ultima affermazione del generale Philip Breedlove, comandante della NATO in Europa, secondo cui: “La Russia potrebbe condurre incursioni militari nella Repubblica di Moldavia e nella regione separatista moldava di Transnistria“. Ma tale sottigliezza non è stata notata in un Paese come la Romania, ancora considerato “alleato strategico”, semplicemente perché non ha idea delle decisioni del Congresso sulla ristrutturazione del Pentagono, con una riduzione significativa della spesa militare annuale nel 2012-2020. La decisione promulgata dal presidente degli Stati Uniti per salvare 487 miliardi di dollari ha già avuto effetti dal 2012 ad oggi. Le forze di terra statunitensi sono già state ridotte da 45000 soldati e marines a circa 10000 soldati. Ciò, per il Pentagono, consiste nel graduale ritiro di circa 7000 soldati statunitensi dall’Europa entro il 2020. Così, l’esercito statunitense in Germania è stato ridotto di tre brigate corazzate e una di fanteria Stryker, dotata del LAV-25 Stryker, derivato dal Piranha III.
L’esercito in Italia si riassume nella 173.ma brigata aeroportata della forza di reazione rapida. Il tenente-generale Donald Campbell, ex-comandante del III Corpo d’Armata, l’unità più potente dello schieramento statunitense, nel 2013 divenuto comandante dell’esercito in Europa (US Army Europe), ha chiaramente spiegato alla stampa la missione affidatagli: mantenere solo 7 grandi basi militari in Europa delle 12 esistenti nel 2010. Il piano di ristrutturazione porta alla chiusura imminente della caserma di Heidelberg, in Germania. Secondo lo stesso piano di ristrutturazione, la guarnigione statunitense di Mannheim e le basi di Schweinfurt e Bamberga saranno chiuse e rimosse nel 2015. L’USEUCOM non supererà l’attuale livello massimo di 32000 truppe di stanza sul continente europeo. Piuttosto, il loro numero dovrebbe essere ridotto di 2000 uomini entro il 2017. Campbell ha anche ricordato che il Pentagono ha abbandonato i piani per costruire basi militari in Romania e Bulgaria, oltre alla base Deveselu per lo scudo ABM.
L’United States Air Forces in Europa è stata ridotta a sei squadroni compositi (aerei multiruolo, da trasporto, da rifornimento, sorveglianza ed elicotteri): uno in Germania, due in Italia e tre nel Regno Unito). Come risultato di tali tagli di bilancio, i restanti 20 aerei da attacco al suolo A-10 Thunderbolt dell’81.mo squadrone della Spangdahlem Air Base in Germania, sono stati rimpatriati negli USA a fine 2013. Secondo il piano del Pentagono, nel 2014-2017 più di 500 aerei saranno ritirati, tra cui 8 velivoli da trasporto pesante C-5 Galaxy, 16 C-17 Globemaster III, 30 C-130 Hercules e 16 aerei-cisterna KC-135 Stratotanker, riducendo notevolmente la possibilità di schierare una forza di reazione rapida degli Stati Uniti.
L’analisi della natura politica del proposte di Anders Fogh Rasmussen al vertice in Galles non potrebbe essere più evidente. Soprattutto che la NATO non è solo un’alleanza politico-militare creata dagli Stati Uniti. Avevo già scritto che nel Pacifico occidentale gli Stati Uniti avviano il trattato ANZUS e vari altri trattati militari con gli Stati vicini la Cina, divenuti per gli statunitensi più importanti della NATO. Ecco perché gli Stati Uniti valutano la creazione di uno schieramento aeronavale e terrestre del comando militare del Pacifico (USPACOM) nella regione occidentale del Pacifico, dispiegando come truppe supplementari 200000 soldati statunitensi. Parte di tali soldati apparteneva poco prima all’USEUCOM. Nelle conclusioni del mio articolo dicevo, “dunque, le dichiarazioni ufficiali dei leader della NATO, soprattutto statunitensi, sulla creazione di cinque nuove basi NATO in Europa sono semplici favole. Chi non capisce dove va il mondo, affidandosi alla NATO e quindi non creando un esercito moderno appositamente dedito alla difesa del territorio, avrà presto brutte sorprese“.
A differenza dei rumeni, Aleksandr Grusko, ambasciatore russo presso la NATO sa tutto ciò. In una dichiarazione in cui era evidente l’enorme sforzo per non ridere, Grusko ha detto, “una base militare attualmente in costruzione in Romania è una seria sfida alla sicurezza della Russia e Mosca è molto preoccupata per le attività della NATO nel Mar Nero“. Come ho già scritto il 28 agosto 2014 il sottomarino diesel-elettrico Novorossijsk, classe Varshavjanka (Projekt 636.3/877), è stato consegnato alla flotta russa del Mar Nero. Un mese o due più tardi sarà affiancato dal gemello Rostov-na-Donu e seguito da altri quattro sottomarini della stessa classe, per la flotta russa del Mar Nero. Soprannominati “buchi neri” dalla NATO perché non possono essere rilevati, questi sottomarini hanno la capacità di monitorare segretamente tutte le navi, francesi, statunitensi o canadesi inviate nel Mar Nero. Le ultime esercitazioni navali dalla NATO nel nord-ovest del Mar Nero, “Sea Breeze 2014“, raccolsero 12 navi da guerra di Ucraina e NATO. I marinai della fregata canadese Toronto poterono verificare l’affidabilità delle componenti di 35-40 anni dei missili lanciati dal caccia-sottomarini Ternopol, ammiraglia della flotta ucraina.



Tra le navi della NATO parteciparono all’esercitazione c’era una delle due fregate Type 22 romene, denominate “Pattuglia di Pace”, 10 anni fa acquistate dai rottamatori inglesi; sono sempre attive.
187266414
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora