spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

venerdì 9 agosto 2013

CRISI ANCHE IN FRANCIA

Il Quarto più Grande Settore dell'Industria Francese: Mai una simile Catastrofe '

Mentre anche in Francia si favoleggia di un vago barlume di ripresa...Business Insider ci mostra i risultati del settore alberghiero e ristorazione.



Una terribile serie di eventi in Francia, proprio quando tutti stavano annunciando segnali di ripresa, sulla base di qualche prova ben congegnata. Se vi siete astenuti dal rilevare tutto il negativo, potreste anche farcela a intravedere dei vaghi barlumi di speranza.

Le vendite di nuovi veicoli nel mese di luglio sono risalite per la prima volta di un minuscolo 0,9% rispetto ai livelli depressi di un anno fa.
OK, vi è stato un giorno di vendita in più, e le vendite giornaliere in realtà sono scese del 3,5%, ma ehi, è già molto meglio del grande tonfo del 9,7% dei primi sette mesi.


La spesa dei consumatori, dopo essere scesa nel corso del primo trimestre, è cresciuta dello 0,3% nel secondo trimestre, nonostante il crollo dello 0,8% nel mese di giugno. Forse a luglio, i consumatori esausti hanno speso qualcosa di più riprendendo un po' di fiducia dai record abissali di giugno.

Allo stesso modo, il Purchasing Managers’ Index nei settori dei servizi e della manifattura nel mese di luglio era ancora in contrazione, ma è stata la minore contrazione in 17 mesi. Le aziende hanno continuato a perdere posti di lavoro, ma al ritmo più lento in 15 mesi. Grande. L'economia sta ancora crollando, ma più lentamente - da livelli già bassi a livelli ancora più bassi. Tempo di speranza.

Ma quella speranza è scappata fuori dal settore alberghiero e della ristorazione. Dopo una terribile estate del 2012, il traffico degli hotel a luglio è stato ancora più terribile, crollando di un altro 7% anno su anno. Lungo la costa, è sceso "solo" del 10%; ma in alcune regioni delle Alpi, è crollato di oltre il 30%.

Nella prima metà del mese di luglio è stato incolpato il cattivo tempo. Ma, nella seconda metà, il tempo era bello e allora la colpa è stata data allacrisi economica. Novità di quest'anno: anche le località del Mediterraneo sono state "toccate dalla crisi."

E ora i ristoranti! Il movimento è crollato di uno "storico" 13,2% nel mese di luglio. Nei primi sette mesi, il traffico ha perso il 5%. Negli ultimi due anni il settore ha perso il 10% di posti di lavoro.

"La situazione non è mai stata così catastrofica", ha avvertito Michel Morin, presidente della National Association of Theme and Commercial Restaurants (SNRTC). “Le nostre imprese stanno vivendo un calo dei ricavi senza precedenti e i risultati delle ultime quattro settimane ci portano a temere il peggio."

Jean-Pierre Chedal, presidente dell'Associazione Nazionale dei proprietari di alberghi, ristoranti, caffè, e Catering (Synhorcat), ha spiegato che ci sono differenze per regione e per settore. "A Parigi e all'Ile-de-France, i dati non sono buoni, ma nemmeno catastrofici. Tuttavia, il resto della Francia e in particolare la costa atlantica sono le più colpite".

I ristoranti di fascia alta stavano facendo abbastanza bene, così come i fast-food di fascia bassa. Ma i ristoranti di medio livello sono stati sempre penalizzati, in particolare le catene di ristoranti. Egli ha attribuito queste difficoltà a "problemi di potere d'acquisto, e depressione."

Le associazioni sono in agitazione, non solo perché il settore sta sprofondando in un pantano, ma anche perché l'imposta sul valore aggiunto per ristoranti sta salendo di nuovo. Nel 2001, era del 19,6%, come per la maggior parte dei settori. Poi il presidente Chirac, durante la campagna per la rielezione, aveva promesso di abbassarla.

Una promessa andata in frantumi sul terreno della realtà. Era stata bloccata dal Consiglio europeo per "dumping fiscale transfrontaliero." Ma il presidente Sarkozy era riuscito in un braccio-di-ferro col Consiglio a trovare un accordo. E il 1 ° luglio 2009, l'IVA è stata tagliata del 5,5%.

Trambusto enorme.Ha influenzato tutto il settore turistico - alberghi, ristoranti e caffetterie - il quarto più grande settore in Francia, al momento 185.000 imprese. E' stato un grande affare: i ristoratori si sono impegnati a trasmettere il taglio dell'aliquota abbassando i prezzi. Questo avrebbe stimolato i consumi, che avrebbero creato 20.000 posti di lavoro all'anno, per due anni. Alleluia.

Ahimè, dal 2000, il settore aveva già creato in media 15.000 posti di lavoro all'anno, con l'eccezione del 2008-2009. Così gli sbandierati 40.000 posti di lavoro per un periodo di due anni sarebbero stati un guadagno netto di 10.000 posti di lavoro.

L'impegno ad abbassare i prezzi del 11,8% in media ha riguardato solo 12 prodotti, come il caffè, acqua in bottiglia, la specialità del giorno, ecc, e ogni ristorante poteva abbassare i prezzi solo su sette. Nella migliore delle ipotesi, avrebbe potuto funzionare con un taglio generale dei prezzi del 3% - non esattamente una calamita per attirare nuovi clienti.

Ma pochi ristoranti hanno abbassato tutti i prezzi. Hanno ingoiato con gusto il margine di profitto aggiuntivo. Il traffico sperato non si è concretizzato. Né i posti di lavoro. Nemmeno i salari sono aumentati, come sperato. Circa un quinto dei dipendenti del settore sono stati considerati "lavoratori poveri", il numero più alto di tutti gli altri settori. Il fallimento del taglio dell'imposta nell'ottenere qualcosa si è tradotto in scherno velenoso, scandali, e deficit di bilancio più elevati.

Come la crisi del debito dell'Eurozona ha esteso i suoi tentacoli dalla periferia al centro, e come la Francia scivolava sempre più in profondità nel suo problema di bilancio, aumentare l'IVA nel settore della ristorazione è diventato improvvisamente una soluzione.

Pertanto, dal 1 ° gennaio 2012, sotto un presidente Sarkozy che ghignava dolorosamente e che avrebbe perso il suo incarico cinque mesi dopo, l'IVA è stata aumentata dal 5,5% al 7%. Da allora, i tentacoli hanno afferrato la Francia, e la sua débacle di bilancio è peggiorata. Così il presidente Hollande e il suo governo hanno trovato un'altra soluzione: dal 1° gennaio 2014, alzare l'IVA dei ristoranti al 10%.

Le associazioni dei proprietari di ristoranti hanno intensificato la rivolta. Essi sostengono di essere preoccupati per i posti di lavoro, un argomento caldo in Francia, dato il tasso di disoccupazione a due cifre. Ma in realtà sono preoccupati per i profitti: un aumento dei prezzi pari all'importo dell'aumento dell'IVA sarà molto sgradevole per i clienti.

Per mantenere il traffico, i ristoratori potrebbero non aumentare i prezzi, ironia della sorte dopo il loro rifiuto di abbassarli nel 2009. Questa volta i loro margini ne risulterebbero erosi, proprio quando i ricavi sono già in calo. E potrebbe anche non finire qua. Jean-Pierre Chedal è stato "estremamente prudente" sui prossimi passi nella battaglia fiscale: egli teme che il governo potrebbe andare oltre il 10% - una paura che non sembra irrazionale.

Forse potrebbero imparare una lezione dalle aziende USA di beni di consumo i cui clienti sono stati in depressione a partire dal 2000, con la fascia inferiore colpita più duramente. Per queste persone, produttori di tessuti hanno una strategia particolare: desheeting. Leggi .... L'arte squisita del marketing per consumatori impoveriti.