spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

giovedì 15 agosto 2013

L'ORTO SOSTENIBILE AMAZZONICO

Vi presentiamo l’Orto Sostenibile Territorio Zero in Perù!

Abbiamo il piacere di presentarvi il primo Orto Sostenibile Amazzonico “sponsorizzato” da Territorio Zero: a curarlo e gestirlo sono Marco Antonio Molino e gli operatori della ONG Italo-Peruviana Nuestro Horizonte Verde.



Marco Antonio Molino con il personale dell'Istituto di Gastronomia ISTER



L’orto è situato sul Rio Momon, un affluente del Rio Nanay che è a sua volta uno dei maggiori affluenti del Rio delle Amazzoni. L’orto è stato progettato e realizzato secondo tecniche di coltivazione e distribuzione dei prodotti strettamente aderenti ai principi di Territorio Zero.
L’orto viene concimato solo con prodotti organici (nello specifico viene usato concime di gallina), senza composti chimici derivati dal petrolio e sempre e solo utilizzando sistemi naturali per la semina, la concimazione e la raccolta dei prodotti.
Una volta pronti, gli ortaggi vengono portati al porto di Iquitos Bellavista Nanay dagli stessi operatori NHV con la loro imbarcazione in legno: per contenere i costi, il trasporto non viene affidato a terzi.


L'orto è pronto. Il raccolto è rigoglioso!

La vendita al pubblico dei prodotti dell’orto Territorio Zero è curata dall’ISTER: l’Istituto di Gastronomia ISTER di Iquitos consente ai produttori della Regione Loreto (Perù) di vendere i loro prodotti direttamente al pubblico, mettendo a disposizione i loro locali che si trovano in una via principale della città Peruviana.
All’interno dell’Istituto ISTER è presente anche un ristorante aperto al pubblico dove vengono utilizzati i prodotti delle terre locali, inclusi gli ortaggi dell’orto Territorio Zero amazzonico.
L’istituto ISTER è un istituto di qualità riconosciuto dal Ministero dell’Educazione del Perù, ed abbiamo il piacere di avere il “nostro”  Marco Antonio Molino nel corpo docenti dell’Istituto di Gastronomia.

Di seguito la fotogallery che racconta le varie fasi della realizzazione dell’Orto Territorio Zero Amazzonico, dai lavori di dissodamento e preparazione del terreno all’esposizione e vendita dei prodotti della Terra.


Marco Antonio Molino nell'orto sostenibile

Un nuovo modello agricolo ed economico è possibile, e comunità ed orti a chilometro zero, rifiuti zero ed emissioni zero stanno nascendo e crescendo in tutte le parti del mondo. 
Vogliamo lasciarvi con le parole recentemente pronunciate da Carlo Petrini durante un incontro a Torino: “Seminare utopia vuol dire raccogliere realtà”.
Speriamo di tutto cuore che questa “profezia” si avveri.
Noi continueremo a seminare, in attesa di veder nascere i frutti di questi sogni empatici e poterne godere insieme a tutto il mondo.