spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

sabato 24 agosto 2013

L’uomo che uccise Kennedy


Libro-choc: c’era George Bush dietro
all’omicidio Kennedy

Scritto il 24/8/13

A mezzo secolo dal fatale attentato di Dallas del 22 novembre 1963 si scopre che, oltre ai nomi già noti – Lyndon Johnson, Allen Dulles e Edgar Hoover – c’era un politico di prima grandezza dietro al complotto per assassinare John Fitzgerald Kennedy. Si tratta nientemeno che di George Bush padre, secondo la clamorosa ricostruzione offerta da un libro che uscirà negli Usa in ottobre, firmato dall’ex stratega repubblicano Roger Stone, già braccio destro di Richard Nixon, a sua volta coinvolto per la “copertura” del piano.

Secondo Stone, fu Nixon – quand’era ancora un semplice deputato al Congresso – ad assoldare Jack Ruby, cioè Jacob Leon Rubinstein, l’uomo che poi assassinò il “capro espiatorio” Lee Harvey Oswald poche ore dopo il suo arresto-lampo. Ma – questa è la novità clamorosa – dietro le quinte c’era la regia occulta del futuro presidente Bush, padre di George W., poi capo della Cia prima di ascendere alla Casa Bianca. All’epoca fu spedito a Dallas come leader dei repubblicani del Texas e garante della potentissima lobby dei petrolieri texani, direttamente minacciata dai Kennedy. Un incrocio pericoloso – tenuto nascosto per decenni – fatto di depistaggi, omissioni, intimidazioni, menzogne e omicidi per eliminare testimoni scomodi.

L’annuncio della pubblicazione proviene dal “Daily Caller”, che indica anche la casa editrice, Skyhorse Publishing. Il titolo provvisorio del libro, scritto George Bushcon Mike Colapietro, potrebbe essere tradotto così: “L’uomo che uccise Kennedy: Lyndon Johnson”. Per la prima volta, sottolinea Giulietto Chiesa su “Megachip”, un libro-inchiesta sulla fine di Jfk porta la firma di un autore del calibro di Roger Stone, già “aiutante di campo” di Nixon nella campagna elettorale vittoriosa del 1972, al termine della quale entrò nell’amministrazione presidenziale. Le sue memorie riguardano informazioni che raccolse stando all’interno della squadra che portò al potere Nixon, nove anni dopo l’assassinio di Kennedy. Stone rivela come Lyndon Johnson “convinse” Earl Warren a presiedere la commissione d’inchiesta sull’omicidio Kennedy: Warren, stimato giudice della Suprema Corte, non voleva accettare l’incarico; fu costretto da Johnson che ricorse al ricatto, ricordandogli un “piccolo incidente” nel quale il magistrato sarebbe incorso, anni prima, a Città del Messico, come riferito dal direttore dell’Fbi, Hoover. A quel punto, Warren cedette e accettò di presiedere la commissione-farsa. Accettò anche il senatore Richard Russell, pure lui riluttante, quando lo stesso Johnson gli raccontò come aveva “convinto” Warren.
Pressioni e ricatti, da subito: «Sarà utile ricordare – osserva Chiesa – che John Edgar Hoover fu l’inventore dei fascicoli segreti con cui aveva spiato tutto e tutti, all’epoca, a cominciare prima dalla famiglia Roosevelt, poi dalla famiglia Kennedy». Così, aiutato da Hoover, il neo-presidente Johnson costruì – col ricatto – una commissione-fantoccio, nella quale inserì anche «uno dei più accaniti nemici di John Kennedy», ovvero «quell’Allen Dulles, direttore della Cia fin dal 1953, che era stato l’organizzatore di due riusciti colpi di Stato in Guatemala e in Iran, e che era caduto in disgrazia dopo la fallita operazione della Baia dei Porci che avrebbe dovuto liquidare la rivoluzione cubana di Fidel Castro». Ed è qui, ripescando documenti d’archivio grazie al lavoro di un super-reporter come Russ Baker, autore di un libro uscito negli Usa nel 2009 e mai pubblicato in italiano, “Family of Secrets” (Bloomsbury Press), che entra in scena un terzo presidente degli Stati Uniti. «E vi entra come il principale sospetto dell’organizzazione dell’assassinio di John Kennedy e di suo fratello Robert», racconta Giulietto Chiesa citando in anteprima il libro di Stone. Lui, George Herbert Bush – che Russ Baker chiama “Poppy”, e che sarà eletto alla Casa Bianca nell’89, cioè Russ Baker15 anni dopo le dimissioni di Nixon – risulta «il maggiore indiziato» dell’omicidio Kennedy.
Il movente: fermare – nell’unico modo possibile – il grande nemico della destra economica americana, da Wall Street ai petrolieri texani. Molti legami nascosti collegano i congiurati: «Allen Dulles aveva il dente avvelenato, ma non era l’unico». Anche il vicedirettore della Cia, Charles Cabell, «era stato costretto alle dimissioni da Kennedy». E attenzione: il fratello di Cabell, Earle, nel 1962 era nientemeno che il sindaco di Dallas, cioè «l’interfaccia locale dell’apparato messo in moto per la visita presidenziale». Coincidenze? «Tra coloro che non potevano sopportare i Kennedy c’era un grande amico di Dulles: il senatore Prescott Bush», ovvero il padre di George “Poppy” Bush. Prescott Bush era «il capostipite della famiglia che avrebbe governato l’America, sebbene con interruzioni, per sedici anni». Quando Dulles morì, nel 1969, in un messaggio alla vedova, Prescott Bush scrisse queste parole, riferendosi ai Kennedy: «Non li ho mai perdonati». Lo scrisse sei anni dopo l’assassinio di Dallas e pochi mesi dopo l’assassinio di Robert Kennedy, avvenuto «di nuovo in circostanze misteriose e di nuovo per mano di un killer isolato e fatto poi passare per squilibrato». La famiglia Bush: Prescott, poi George, poi George Walker. Un potere scritto nel “destino” dell’America, dall’attentato di Dallas a quello delle Torri Gemelle.
Prescott Bush, ricorda Giulietto Chiesa, lanciò il politica suo figlio George proprio alla vigilia dell’omicidio Kennedy: nel ’64 ci sarebbero state nuove elezioni e – per fermare la rielezione di Jfk – gli Stati cruciali sarebbero stati la Florida e il Texas. «La famiglia Bush scelse di mandare “Poppy” in Texas». E qui cominciano le sorprese: «Pochi sanno che George Herbert Bush aveva aperto il suo quartiere generale a Houston pochi mesi prima dell’attentato a Kennedy. Pochi sanno che, quando John Kennedy fu ucciso, il capo del partito repubblicano in Texas era “Poppy” Bush. Pochi hanno ricordato che una delle ragioni che spinsero Kennedy a andare a Dallas fu proprio determinata dalla necessità di fronteggiare la prevedibile controffensiva repubblicana in quello Stato. La famiglia Bush era molto ben connessa sia con Wall Street, sia con i petrolieri texani. E John Kennedy arrivava in terra nemica con due intenzioni provocatorie: quella della cancellazione della “oil depletion allowance” – che significava un colpo molto serio ai profitti dei George Bush col padre, Prescottpetrolieri texani – e con l’esplicito sostegno dei diritti civili, tema assai male accolto in tutto il Sud americano».
La faccenda della “allowance”, soprattutto, costituiva una minaccia grave: «John Kennedy – ricorda Giulietto Chiesa – aveva detto esplicitamente che avrebbe cancellato la bonanza del 27,5% concessa ai petrolieri texani», i quali fino ad allora potevano detrarre dalle tasse quasi un terzo dei profitti dei pozzi petroliferi che venivano esaurendosi. «Sufficiente per ucciderlo? Nessuno può affermarlo, ma come movente non era niente male». E comunque: dov’era George “Poppy” Bush mentre Kennedy cadeva sotto i colpi dei fucili? «Nessuno andò a verificare, per anni, le stranezze davvero ciclopiche di questa circostanza». Un silenzio durato fino al 25 agosto 1988, quando – una settimana dopo che George “Poppy” Bush aveva accettato la nomination a candidato presidenziale per il partito repubblicano – apparve sul “San Francisco Examiner” un breve articolo, a firma Miguel Acoca, che rivelava l’esistenza documentata di una telefonata che Bush aveva fatto in quelle ore fatali di 25 anni prima. Bush aveva chiamato l’ufficio dell’Fbi in Houston «alcune ore dopo» l’assassinio di Kennedy, «al fine di riferire che “un giovane repubblicano di destra” aveva parlato di “uccidere il presidente”». In realtà, la strana telefonata fu fatta subito, «esattamente sette minuti dopo che Walter Cronkite leggesse il dispaccio dell’“Associated Press” che annunciava la morte di Jfk».
L’Fbi, con molta diligenza, aveva registrato anche l’indirizzo dell’autore della telefonata: 5525 Briar, Houston, Texas. Era l’indirizzo di colui che nel 1988 era il vice-presidente degli Stati Uniti d’America. Sempre l’Fbi si era precipitata a interrogare il giovanotto oggetto della denuncia di “Poppy”. Lo trovò subito. Si chiamava James Milton Parrott. Ma tutte le verifiche successive non condussero a nulla. Salvo alcuni dettagli: Parrott era davvero un giovane militante repubblicano, e aveva davvero frequentato l’ufficio di “Poppy” a Houston. Inoltre, l’agente Fbi che – allora – aveva raccolto la telefonata di “Poppy”, tale Graham Kitchel, era assai vicino al capo dell’Fbi, Edgar Hoover. E suo fratello, George Kitchel, era un vecchio amico di “Poppy” Bush. «Tutte coincidenze che spiegano bene perché quella telefonata fu così tempestivamente e precisamente documentata». “Doveva” essere tracciabile, per scagionare Bush e presentarlo come collaborativo con gli inquirenti. Peccato che poi, quindici anni dopo, quando Bush è vicepresidente uscente e candidato alla presidenza, allo stesso Miguel Acoca dichiara di non aver mai fatto quella telefonata. Un assistente di “Poppy”, inoltre, sostiene che Bush “non ricorda” di aver mai chiamato l’Fbi di Dallas il 22 novembre 1963. Russ Baker se ne stupisce: se l’atto fu innocente, potrebbe essere ben difeso come gesto di responsabilità civica, quello di un capo politico che, in nome della giustizia, giunge ad accusare un membro del suo stesso partito. Perché dunque nasconderlo? Perché “Poppy”, oltre a Allen Dulles e Edgar Hooverproteggere se stesso, con quella telefonata stava anche cercando di depistare l’Fbi, facendo perdere tempo prezioso ai detective.
La famosa telefonata, conferma Stone, fu fatta alle ore 1.45 pm del 22 novembre, dalla cittadina di Tyler, qualche centinaia di miglia da Dallas, dove George Bush avrebbe dovuto tenere una conferenza di fronte ai soci del Kiwani Club. «In tal modo, “Poppy” riesce a infilare negli atti ufficiali dell’indagine sull’assassinio il fatto che egli non si trovava a Dallas mentre esso avveniva». E’ certo invece che “Poppy” era a Dallas la sera prima dell’omicidio, dormì all’Hotel Sheraton e ripartì solo la mattina successiva a bordo di un aereo privato fornitogli da Joe Zeppa, presidente della American Association of Oil Drilling Contractors (Aaodc). Sicché, «la telefonata da Tyler appare essere stata concepita per occultare la presenza di “Poppy” a Dallas mentre parlava – guarda caso – con i petrolieri texani», nemici giurati di Jfk. Ma le stranezze non sono affatto finite. E 13 anni dopo – quando “Poppy” è a capo della Cia – si colorano del sangue di un ex agente dell’intelligence, George de Mohrenschildt, che – si scoprirà in seguito – fu l’uomo che aveva “coltivato” George de MohrenschildtLee Oswald, per farne la vittima sacrificale, insieme a Kennedy, del complotto di Dallas. 
Il 5 settembre 1976, George Bush riceve una lettera nella quale de Mohrenschildt si dichiara “dispiaciuto” di aver “parlato a sproposito” di Oswald, e chiede aiuto: lo stanno spiando e pedinando, e si rivolge a Bush – chiamandolo “caro George” – per sapere se il capo della Cia può «fare qualche cosa» per metter fine al tormento; dopodiché, de Mohrenschildt promette: «Questa sarà la mia ultima richiesta di aiuto e poi non la disturberò più». Gli archivi della Cia riportano la risposta di “Poppy” ai suoi funzionari: Bush dice agli 007 di ricordare che de Mohrenschildt era lo zio di un suo compagno di scuola, a Andover, e «successivamente riemerse quando Oswald sparò sul vertice». Quell’uomo, dice Bush ai funzionari della Cia, «conosceva Oswald prima dell’assassinio del presidente Kennedy». Ma, sfortunatamente, conclude Bush, «non ricordo il suo ruolo in tutta questa faccenda». Altra “dimenticanza” impossibile, annota Stone, perché George de Mohrenschildt era molto di più che lo zio di un vecchio compagno di studi: «Era stato un socio in affari di “Poppy” Bush. E il suo interrogatorio era stato, seppure per una breve parentesi, uno dei momenti più intriganti dell’inchiesta sull’assassinio di Jfk».
In quel frangente era in corso una serie di inchieste contro gli abusi della Cia, in specie negli assassini di capi di Stato esteri. E, proprio in quei mesi, e in relazione a quelle inchieste, si stava ripresentando l’ipotesi di riaprire anche l’indagine sull’omicidio Kennedy. «Pensare che il capo della Cia fosse così distratto in materia è fuori di ogni credibilità», osserva Giulietto Chiesa: «Qui è palese che George H. Bush sta mentendo». Inoltre, quando Bush dice che colui che scopriremo essere stato un suo vecchio amico e sodale “conosceva Oswald”, mente per difetto. Poiché non poteva non sapere che George de Mohrenschildt, dal 1962 al 1963 (cioè nell’ultimo anno prima dell’assassinio di Kennedy), era stato «aiuto, guida, maestro e confidente di Lee Harvey Oswald». Lo aveva aiutato a trovare lavoro, a cercare casa, e lo aveva introdotto in diversi ambienti sociali di Dallas. De Mohrenschildt «frequentava la sua casa, e le rispettive mogli si conoscevano molto bene», come dimostra la lettera di risposta che George Bush manda all’altro George: Il corpo di de Mohrenschildt in una foto della polizia«Cortesemente tranquillizzandolo, gli comunica di “non potere risolvere completamente” il suo problema», quello dei pedinamenti che lo affliggono.
Russ Baker, autore di questa documentata ricostruzione, commenta: «Per una persona che conosceva ciò che de Mohrenschildt conosceva, una tale notazione dev’essere stata terrificante». Meno di sei mesi dopo, George de Mohrenschildt “si uccideva” con un colpo di fucile alla bocca. Conclusione del medico: suicidio. L’ex moglie di de Mohrenschildt, Jeanne, anch’essa agente della Cia, in un’intervista al “Fort Worth Star-Telegram” dell’11 maggio 1978, disse che non riteneva credibile la tesi del suicidio; aggiunse che Oswald era stato un agente della Cia, e che secondo lei non era l’assassino di Kennedy. Aggiunse: «E’ tempo che qualcuno dia un’occhiata a questa faccenda». Infatti il Senato americano, il 17 settembre 1976, dopo mesi di infuocate discussioni, aveva deciso di riaprire l’inchiesta, costituendo l’House Select Committee on Assassination (Hsca). «Basta confrontare le date – scrive Giulietto Chiesa – e si vede che la lettera a Bush di George de Mohrenschildt anticipa di qualche giorno la decisione istitutiva dell’Hsca». Dunque: «Il rischio era altissimo che George venisse richiamato a testimoniare». Dettaglio-chiave: nella sua lettera a Bush, de Mohrenschildt aveva detto: le cose che ho scritto su Oswald «possono avere irritato parecchie persone». Peccato che de Mohrenschildt non abbia mai pubblicato nulla. «Dunque la frase va letta invertendo i termini: potrei dire cose che irriteranno parecchie persone». Solo che de Mohrenschildt si era rivolto alla persona sbagliata: nelle settimane che precedettero la sua controversa morte, l’Hsca aveva nominato un investigatore speciale per il suo interrogatorio, Gaeton Fonzi, che arrivò tardi all’appuntamento.
Quella di de Mohrenschildt, aggiunge Chiesa, non fu l’unica morte improvvisa, tra coloro che avrebbero potuto essere interrogati. Ci fu un altro stretto amico di de Mohrenschildt a lasciarci la pelle: si chiamava Paul Raigorodsky, fuoruscito di Russia molti anni prima e divenuto facoltoso petroliere texano, anima della comunità texana dei fuorusciti russi, connesso con tutte le operazioni della Cia in America Latina, sostenitore del partito repubblicano, uno dei padroni di Dallas. Il 22 novembre 1976, accettò di farsi intervistare da Michael Canfield sul tema dell’assassinio di Jfk. Non disse nulla di rilevante, ma interrogò il giornalista: «Qual è la ragione del suo interesse per queste faccende?». E Canfield: «Oh, sono semplicemente curioso, ecco tutto». Raigorodsky replicò: «Ma lei non lo sa che fu la curiosità a uccidere il gatto?». Il petroliere fu trovato morto il 16Norman Mailermarzo 1977, anche lui poco prima di poter essere interrogato dalla Hsca. «Referto medico: cause naturali. Non fu la curiosità a uccidere lui».
Lo scrittore Norman Mailer – un altro che non ha mai creduto alla storia dell’assassino unico – nel suo “Oswald’s Tale”, dedicò a George de Mohrenschildt un ritratto esaustivo: un personaggio ambiguo e pericoloso, perfetto come “addestratore” dell’inconsapevole pedina Lee Harvey Oswald. Nella sua agenda d’indirizzi trovarono il nome di George Bush, “Poppy” per gli amici, quando era a capo della “Zapata Oil”. Perfino i rapporti dei servizi segreti americani, negli anni delle sue intense relazioni con i petrolieri di Dallas, lo consideravano personaggio equivoco, possibile doppio e triplo agente: la guida ideale per preparare Oswald a compiere «qualche cosa che avrebbe dovuto apparire come inesplicabile, frutto di uno squilibrato, ma forse frutto di un attentato comunista, vuoi sovietico, vuoi cubano». Come nei film: se qualcosa va storto, si liquida la pedina. E per questo si incarica un’altra pedina, più accorta, a cui «si lascia la speranza che possa sopravvivere». Jack Ruby sparò, e sperò. «Solo dopo il suo processo si lasciò sfuggire qualche cosa». Disse a un giornalista: «Nulla di ciò ch’è accaduto è emerso alla superficie. Il mondo non conoscerà mai i fatti veri che sono accaduti e i miei motivi. Le persone che avevano molto da guadagnare avevano anche molti motivi per mettermi nella posizione in cui mi trovo, e costoro non consentiranno mai a che il mondo conosca cosa Nixon, Ruby e Prescott Bushaccadde». Domanda: questa gente si trova ancora in posizione di potere? Ruby: «Sì».
La storia pazzesca del complotto di Dallas, avverte Chiesa, è ben riassunta – nei passaggi fondamentali maturati con le ultime rivelazioni – nel sito “familyofsecrets.com”. Punto primo: “Poppy” Bush era in stretti rapporti d’interessi con la lobby petrolifera texana, che voleva togliere di mezzo i Kennedy. Inoltre, molti dei personaggi cruciali del network segreto del Texas, che entrò in azione il 22 novembre 1963, erano suoi compagni di partito o ex soci in affari, suoi personali o della famiglia Bush, a cominciare dal padre Prescott Bush. Tra questi, tre personaggi-chiave furono Neil Mallon (Republic National Bank); Allen Dulles, ex capo della Cia; John Edgar Hoover (capo dell’Fbi che lavorava in coppia con il vice-presidente Lyndon Johnson). Di quest’ultimo già s’è parlato. Immediatamente al di sotto, nel complotto, ci fu Jack Crichton, candidato anche lui del partito repubblicano, che si prevedeva avrebbe corso in coppia con “Poppy”, che dava ordini al Dipartimento di polizia di Dallas.
L’autista che guidava il veicolo in testa al corteo presidenziale si chiamava George L. Lumpkin, era vice-capo della polizia di Dallas e intimo amico di Crichton. Ma era anche membro della Army Intelligence Reserve Unit. Al suo fianco era seduto George Whitmeyer, ufficiale dell’esercito e comandante delle unità della Army Intelligence Reserve di tutto l’est Texas, alle dirette dipendenze di Jack Crichton. Whitmeyer non era sulla lista approvata dal Servizio Segreto per guidare il corteo presidenziale. Lumpkin fece fare una sola sosta al corteo, fermandosi –  «per chiedere un’informazione» a un agente della polizia stradale – proprio all’incrocio tra Houston and Elm Street, di fronte al Depository Building dove era appostato Oswald. Crichton era stato il fondatore della “Dallas Civil Defense”, un’organizzazione ferocemente anticomunista, che il 1° aprile 1962 aveva installato un comando clandestino sotto il patio del Museo di Scienze e Salute di Dallas: «Il luogo da dove, presumibilmente, fu guidata l’operazione 22 novembre 1963». Della “Dallas Civil Defense” erano parte numerosi Oswald ferito a morte da Rubyagenti della Cia e dell’Fbi, oltre che della polizia cittadina. «Non risulta che la Commissione Warren o qualcuno degl’investigatori dell’epoca abbia mai visitato questo sito».
Dunque, “Poppy Bush” era a Dallas la sera del 21 novembre, e molto probabilmente anche la mattina del 22. E cercò di occultare questa circostanza. Poi, con la telefonata da Tyler, cercò di crearsi un alibi e depistare l’Fbi. Bush, inoltre, era amico personale di George de Mohrenschildt, ma cercò di occultare anche questa circostanza. A sua volta, Chrichton era  amico di de Mohrenschildt, ed entrambi erano amici di D. Harold Byrd, proprietario della Texas School Book Depository, l’edificio dal quale Oswald avrebbe sparato a Kennedy. Byrd propose al custode della Depository di assumere Oswald poche settimane prima dell’attentato. Oswald fu presentato per l’assunzione da un amico di de Mohrenschildt, che aveva legami di parentela con Allen Dulles. «Di tutto ciò la Commissione Warren in parte sapeva, ma fece finta di non sapere e non indagò», osserva Chiesa. «Quel poco che se ne sa emerse anni, anzi decenni dopo, quando “Poppy” Bush ritentò la carta della presidenza e qualcuno, forse, cercò di fermarlo». In ogni caso, «nessuna verità è emersa fino ad ora, nemmeno con Barack Obama». Giulietto Chiesa la pensa come Russ Baker: «Il presidente degli Stati Uniti, chiunque egli sia, ha meno Jfk sull'auto presidenzialepoterepersonale di quanto si pensi: il suo potere reale è un derivato delle lobby che lo hanno eletto».
I Kennedy «furono eliminati perché la loro lobby fu soverchiata da interessi troppo potenti. E perché entrambi, specie Robert, erano prodotti anomali dell’establishment, non disinnescabili, pericolosi. Dunque non da sconfiggere (come nel caso di Nixon), ma da uccidere». Nel caso dei Bush, la loro ascesa al potere americano, risiede «nella potenza della “famiglia” e dei suoi legami». Inquietante, attraverso i decenni, il ricorso sistematico alla teoria del “lupo solitario” che uccide: «Valse per Lee Oswald vs. John Kennedy, valse per Sirhan B. Sirhan vs. Robert Kennedy, valse per James E. Ray vs. Martin Luther King, valse per Osama bin Laden vs. le Torri Gemelle e il mondo intero». E non importa se le risultanze poi smentiranno le versioni ufficiali, «poiché ciò che conta, sempre, è la prima versione che viene offerta al grande pubblico». I mediasono sempre stati complici della “distrazione delle masse”: «E’ attraverso di loro che si è sempre cercato di seppellire nel ridicolo tutti coloro che dissentivano, bollandoli con la qualifica dispregiativa di “teorici della cospirazione”». Marshall McLuhan diceva che «solo i piccoli segreti vanno protetti: per quelli grandi sarà sempre sufficiente l’incredulità della gente». Su questo fanno leva i grandi media. Il che – riassume Chiesa – ci porta a una conclusione semplice: «Bisogna cominciare a sottoporre i media a una lotta senza quartiere».