spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

lunedì 30 settembre 2013

DI BATTISTA, ATTENZIONI PROVOCAZIONI E DELEGITTIMAZIONI IN VISTA.

M5S, Di Battista: “Chi parla di un Letta bis è un cretino”. E attacca Orellana

Il deputato Cinque Stelle chiude le porte a un'ipotesi di un secondo mandato nelle mani del premier: "Il Pd è peggio del Pdl". E polemizza con il collega di partito, che ha aperto nei confronti di un governo di scopo: "Quando la smetti di sparare cazzate?". Il parlamentare parla poi di un possibile piano per danneggiare l'immagine del movimento: denunce per stupro, cocaina nelle giacche, operazioni di dossieraggio

Alessandro Di Battista
Al di là delle schermaglie in vista di una sempre più vicina crisi di governo, Di Battista si dice preoccupato per possibili attacchi studiati per danneggiare l’immagine dei Cinque Stelle. “Abbiamo tutti contro, per un Movimento che li vuole mandare a casa è un orgoglio. Io prevedo attacchi sempre più mirati, magari a qualcuno di noi un po’ più in vista”, spiega il deputato sempre su Facebook. “Il sistema fa questo. Pezzi di Stato deviati fanno questo. Ti mandano qualche ragazza consenziente che poi ti denuncia per stupro, ti nascondono una dose di cocaina nella giacca che hai lasciato incustodita in una birreria, tirano fuori una storia del tuo passato che nemmeno tu ricordi più”. Il motivo di questi piani tramati ai danni dei Cinque Stelle sarebbe occultare il buon lavoro del movimento in parlamento. “Questo succederà se continuiamo ad andare così bene, perché andiamo bene, perché se non andassimo bene saremmo già tornati alle urne”, precisa Di Battista. “Stanno ricominciando – avverte – Mi è bastato leggere qualche giornale, buoni ormai solo per incartare gli sgombri o accendere il fuoco. Ricominceranno a mentire, a porre l’attenzione su quisquilie mentre la Telecom (come preannunciato da Beppe Grillo anni fa) viene venduta agli spagnoli da morti di fame subentrati a delinquenti legalizzati. Si parla di ‘parentopoli‘ del M5S quando le banche che finanziano i Partiti (a questi ladri indecenti non gli bastano neppure i rimborsi elettorali, no chiedono prestiti alle banche) mandano a casa dipendenti”. E conclude: “Questa è l’Italia, lo sappiamo. Non ci lamentiamo né facciamo le vittime ma combattiamo“.