spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

martedì 30 luglio 2013

la disperata situazione sociale della Grecia...una possibile esportazione del contaggio.

Orfani del collasso UE

Dal Daily Mail, uno speciale report sulla situazione sempre più disperata della Grecia lì dietro l'angolo... una faccia una razza.


Genitori della classe media in Grecia lasciano i loro bambini negli orfanotrofi per non farli morire di fame.

Dei bambini giocano in un cortile dal profumo di pino, in una calda serata d'estate.L'eccitazione sale febbrilquando si taglia un cremoso dolce al cioccolato. Sembra una scena idilliaca senza tempo - ma in realtà si tratta di una moderna tragedia greca.

Perché questo edificio di mattoni rossi situato in un ricco sobborgo di Atene è un istituto per l'assistenza all'infanzia. Eppure, molti di questi ragazzi non sono orfani né figli di famiglie disfunzionali.Invece, sono vittime dimenticatdella crisi dell'Eurozona, lasciati dai genitori che non possono più permettersi di dar loro da mangiare.

La crisi finanziaria in Grecia ha causato dolore e sofferenza in tutto il paese. Ma in un 
paese in cui l'idea di famiglia è centrale nella vita, proprio i più giovani stanno sopportando il carico più pesante della crisi.

Decine di bambini sono stati messi in orfanotrofi e case famiglia per motivi economici; un'organizzazione di beneficenza ha detto che 80 su 100 dei bambini che abitano nei suoi centri residenziali sono lì perché le famiglie non possono più provvedere a loro.

Il dieci per cento dei bambini greci sono a rischio di denutrizione. Gli insegnanti dicono di dover annullare le lezioni di educazione fisica perché i bambini sono denutriti, e raccontano di vedere gli alunni cercare cibo nei cassonetti.

Presso l'istituto 
di assistenza all'infanzia Zanneio, Nicolas Eleftheriàdu, di nove anni, mi ha offerto un pezzo di torta. Quando gli ho chiesto come stava, mi ha risposto con un sorriso timido: 'Sono forte come una roccia.'

I suoi genitori, Olga e Alexandros, sono arrivati 
a prendere i tre figli più grandi per riportarli a casa per il fine settimana; i bambini stanno nell'istituto dal Lunedi al Venerdì. Entrambi i genitori hanno perso illavoro nel settore della ristorazione, due anni fa; lui consegnavapizze, lei lavorava in un negozio di sandwich.

Con cinque figli, hanno cercato di sopravvivere con £ 400 al mese di sicurezza sociale, oltre a vari lavoretti in nero. Vorrebbero un vero lavoro, ma i posti sono pochiLa madre vedova di Olga ha cercato di aiutare la famiglia con la sua pensione di invalidità. Purtroppo, non è stato sufficiente - e così da più di un anno Nicolas, il suo fratellino di otto anni, e la sorellina di sette, sono statimandati a Zanneio, un'ora di distanza dalla loro casa dall'altra parte di Atene.

La coppia ha ammesso che è stato incredibilmente doloroso. “E' stato difficile, estremamente difficile, soprattutto all'inizio” dice Olga. “Non riuscivo a sopportarlo, ma i bambini si sono abituati. L'unica consolazione è che sembrano più felici ora e i loro insegnanti sono molto gentili e premurosi'.

La storia 
degli Eleftheriadous mostra la durezza della vita nellaGrecia moderna, con un'economia in caduta libera - sta continuando a contrarsi del cinque per cento all'anno - e un tasso di disoccupazione che è il più alto in Europa.

Quasi un terzo degli adulti sono senza lavoro, 
oltre a due terzi dei giovani con meno di 25 anni. Ma anche quelli che lavorano sono in crisiLe retribuzioni del settore privato sono diminuitdel 30 per cento in quattro anni e sono state imposte nuove pesanti tasse a causa dell'adesione all'euro, che mette in croce il paese.


Nei pochi giorni che sono stato ad Atene, i mercati hanno retrocesso la Grecia da 'pease sviluppatoa 'paese emergente'; un'associazione per i diritti umani ha condannato la colpevolizzazione spaventosa dei migranti e l'emittente pubblicaERT è stata oscurata dal governo per tagliare i costi.

La chiusura di ERT 
ha scioccato Greci e ha dato agli stranieri lamisura della crisi del paese. La decisione ha fatto cadere la fragile coalizione di governo, dalla quale il partito più piccolo si è tirato fuori - e potrebbe portare al terzo round elettorale in poco più di un anno.

Tale è la portata della crisi che la contrazione economica della Grecia è già pari a due volte quella della Gran Bretagna durante la Grande Depressione degli anni '30.

Nessuna meraviglia che lo staff dell'Istituto Zanneio - situato in mezzo a delle belle ville di star del cinema, di finanzieri e persino diun ex premier - abbia visto tanti casi strazianti.

Una famiglia è stata costretta a mettere 
in istituto quattro bambini di età compresa tra sei e 14 anni, dopo che il ristorante del padre è fallite il proprietario è stato messo prigione, sulla base di nuove leggi intransigenti, e la loro madre non è stata in grado di far frontealla situazione.

Un
a bambina undicenne dall'aspetto angelico mi ha detto di quantonon veda l'ora di rivedere la madre al venerdì. Suo padre è morto, la madre è disoccupata e non è in grado di permettersi il suo mantenimento; lei è lì già da due anni. Questi casi sconvolgonocoloro che si prendono cura dei bambini. 'La divisione della famiglia non fa parte della cultura greca', ha detto Menelao Tsaoussis, 45 anni, ex direttore della fondazione. 'Queste situazioni sono moltotraumatiche per le famiglie.'


Un'altra organizzazione di beneficenza ha riportato il caso delloscorso anno di quattro figli, tra cui un bambino appena nato,abbandonati alle sue porte. Una bambina è stata trovata in possesso di un biglietto che diceva: 'Io non verrò a prendere Anna oggi, perché non posso permettermi di prendermi cura di lei. Viprego di prendervi cura di lei. Mi dispiace.'

Il
 Sorriso del bambino, un ente di beneficenza greco per le famiglie in crisi, ha detto di aver aiutato 10.927 bambini lo scorso anno, con rifornimenti di emergenza di cibo, vestiti, scarpe, libri scolastici e sostegno psicologico. L'anno precedente, il numero era stato di4.465 casi.

'Di solito avevamo a che fare solo con persone di livello economicomolto basso, ma ora stiamo vedendo persone della classe medio-alta, che perdono il posto di lavoro e non sanno dove andare', ha detto Tania Schiza, un'assistente sociale del gruppo.
Spesso questi 'nuovi poveri' sono riluttanti a
 chiedere aiuto, peggiorando così la loro situazione.
'
Abbiamo alcuni casi di famiglie che facevano donazioni, che orasono diventate loro vittime della crisi. Ora vengono da noi per un aiuto,' ha detto Schiza.
'Tutte queste famiglie sono profondamente deluse. Sentono chequalunque cosa facciano, nulla può cambiare la loro situazione '.


Altri enti di beneficenza raccontano storie simili. Villaggi SOS Bambini cinque anni fa aiutavanuna cinquantina di famiglie, oggine stanno aiutando 900 e aprono nuovi centri in tutta la Grecia, per scongiurare la disgregazione della famiglia in questa crescita esponenziale della povertà.

Molte delle persone
 che si rivolgono a loro provengono da famiglie della classe media una volta prospere, ristoratori, commercianti e uomini d'affari, e tra loro vi è anche un alto dirigente di una grande azienda che ha perso il lavoro.

Nel corso degli ultimi tre anni la società greca è fortementecambiata', ha dichiarato Pavlos Salihos, un insegnante ed esperto psicologo presso il villaggio dei bambini a Vari. 'Non abbiamo mai avuto casi come questi prima; trattavamo solo problemi sociali, come l'abuso di droga.'

Un altro funzionario 
dei Villaggi SOS Bambini ha detto che alcuni giovani stavano così male che potevano a mala pena parlare. Una scuola ha detto uno su sei dei suoi studenti soffre di malnutrizione. In altre scuole, gli insegnanti hanno iniziato a distribuire frutta, panini e latte. Un ente della sanità pubblica ritiene che i livelli di sicurezza alimentare in Grecia sono scesi a quelli di certi Paesi africani. Gli assistenti sociali hanno detto di bambini che semplicemente rinunciano al lavoro scolastico, il primo segno deltrauma mentale causato dalla crisi.

Negli ultimi tre anni i tassi di suicidio e i problemi di salute mentale sono aumentati notevolmente per tutte le età; nella mia ultima visita, mi sono imbattuto in una donna che aveva perso il lavoro e stava minacciando di saltare dalla finestra del suo ufficio. Un giornale ha detto che la Grecia è una 'società sull'orlo di una crisi di nervi'.

Ironia della sorte, 
gira l'immagine dei Greci come inetti e pigri, anche se degli studi hanno trovato un maggior numero diimprenditori per abitante e orari di lavoro più lunghi che altrove in Europa.

Ma a peggiorare le cose, 
come aumenta la domanda da parte di genitori disperati, il vortice che ha travolto la Grecia sta rendendo più difficile per i centri di beneficenza a corto di fondi mantenere aperti i centri.

Venerdì scorso, il giorno che ho 
fatto la visita, la fondazione che gestisce Zanneio stava chiudendo e fondendosi con un altro gruppo; gli edifici sono stati acquistati dalla Chiesa per la formazione dei preti.

Anche se i suoi fondatori 
del 19° secolo hanno dotato la fondazionedi decine di proprietà, il reddito da locazione della fondazione nellacrisi finanziaria è crollato da £ 1.300.000 a £ 850.000, mentre le nuove tasse imposte da un governo che sta raschiando il barilesono aumentate di £ 300.000 all'anno.

Il centro è stato ri
levato da Hatzikonsta – il più antico istituto di assistenza all'infanzia della Grecia, fondato 160 anni fa da una famiglia di commercianti benestanti. Hatzikonsta ha già visto il numero di bambini di cui si occupa, aumentare di oltre quattro volte dall'inizio della crisi - e quattro quinti dei bambini sono lì per motivi economici.
Eppure, anch'esso, sta lottando per sopravvivere. E' a credito di più di £ 850.000 da affitti di immobili; già i 72 membri del personale hanno avuto dei tagli salariali consistenti. 'Devo essere stato come minimo Gengis Khan, nella vita precedente, per meritarmi una tale punizione,' ha scherzato Leonidas Dragoumanos, il direttore checerca di destreggiarsi nei problemi finanziari.

Metaxia Georgitsi, 40 anni, una madre single di tre figli, ha messo
nell'istituto a tempo pieno il suo figlio maggiore - un 14enne - dopoche il suo reddito da lavoro di pulizie è crollato dquasi due terzi,quindi ha perso il lavoro e si trova a cercar di sopravvivere conun'assistenza di £ 300 al mese.

'All'inizio piangevamo tutti i giorni' ha detto. 'Ho cercato di fargli visita ogni giorno, per stare un po' meglio, ma era difficile. Senza un marito, che altro potevo fare – non abbiamo avuto altra scelta. E' stato molto difficile – avevo dei debiti da ripagare e non avevoabbastanza soldi per il cibo. Ma almeno lì lo hanno aiutato con i compiti a casa e ha mangiato bene'.
Dopo un anno, lo scorso autunno la famiglia si è riunita, quando il ragazzo è tornato a casa. Ma ora dopo un anno senza lavoro ilsussidio di disoccupazione è finito e potrebbe essere necessario affittare la sua casa, che lei ha solo perché i suoi anziani genitori pagano il mutuo.

Non so proprio cosa potrò fare in futuro, ha detto Metaxia, secondo la quale le famiglie monoparentali sono stati colpitin modo particolarmente duro. 'La crisi ci ha annullato. Temo che dovròmettere di nuovo il mio ragazzo in orfanotrofio, mandare le mie ragazze a vivere con mia madre e io resterò con un amico. La famiglia sarà completamente divisa. E' lo scenario peggiore possibile.'
Tra le mense per i poveri, i negozi chiusi e la gente che fruga tra i rifiutiqualcosa di buono viene fuori da questa catastrofe greca: come lo stato sociale è distrutto, si riscopre la solidarietà e la gentesi riunisce. A Marousi, un sobborgo di Atene che ha subito un taglio del 70 per cento dei finanziamenti statali, il sindaco Giorgos Patoulis ha dato impulso all' apertura di un centro sanitario per iltrattamento di 6.000 pazienti non assicurati, mense, banche di abbigliamento e anche una farmacia composta da volontari esostenuta da donazioni.

'La mentalità doveva cambiare e ci sono i segni di una nuova solidarietà,' ha detto. 'Ma se questa crisi va avanti ancora molto, come potremo essere in grado di prenderci cura di tutta la nostra gente?'

E' una domanda che 
sempre più greci si pongono, soprattutto quelle migliaia di genitori in bilico sull'orlo del baratro. La maggior parte di loro farebbe eco alle parole di Amalia Ntougia, 46, una vedova madre di tre figli di Marousi, che ha chiuso il suo negozio nella crisi. Anche se vive di elemosine e briciole della piccola pensione di suo padre disabile, alla domanda se metterebbe i suoi figli in un istituto, ha risposto indignata: 'No, io sono una madre greca.'
 

Tragicamente, per molti genitori greci, anche un orgoglio familiare così intenso non è più sufficiente.