spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

mercoledì 4 settembre 2013

IL GOVERNO DEL DIS--NO-FARE

Imu, salta la prima copertura: retromarcia del governo sui tagli alla polizia

Allo studio un emendamento dell'esecutivo per cancellare il taglio da 50 milioni sulle assunzioni in pubblica sicurezza, forze armate e vigili del fuoco. Lo hanno confermato rappresentanti della Funzione pubblica in un incontro con i sindacati di polizia. E Gasparri cavalca il dietro front: "Burocrati al ministero dell'Economia"

Maurizio Gasparri
Il primo a promettere battaglia contro il taglio determinato dal provvedimento-bandiera del Pdl è stato Maurizio Gasparri, senatore dello stesso partito: “No ai tagli alle risorse destinate alla sicurezza. Già solo ipotizzare un fatto simile tradisce la visione del tutto slegata dalla realtà che hanno i burocrati del ministero dell’Economia“, ha tuonato. “La cifra destinata per gli organici del comparto sicurezza-difesa è talmente limitata che può essere facilmente recuperata altrove. Basta con questo modo superficiale e rozzo di gestire la situazione economica“. La parola passa alla Camera, che domani inizia l’iter di discussione del decreto. 
Nella riunione che si è svolta a Palazzo Vidoni, i rappresentanti di tutte le organizzazioni sindacali dei comparti sicurezza e difesa hanno chiesto inoltre  di conoscere le risorse disponibili per poter avviare le trattative su previdenza complementare, sblocco del tetto salariale e avvio del tavolo contrattuale. I rappresentanti della Funzione Pubblica hanno informato i partecipanti al tavolo che dei risultati della riunione sarebbe stato informato il presidente del consiglio Enrico Letta, al fine di predisporre un nuovo incontro con tutti i dicasteri e le amministrazioni interessate.