spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

martedì 3 settembre 2013

OBAMA RICATTA IL MONDO

Massimo Fini: l’America ricatta il mondo, rimpiango l’Urss


Scritto il 03/9/13


La politica di potenza imperiale che gli Stati Uniti stanno esercitando a tamburo battente da quando non c’è più il contraltare dell’Unione Sovietica, e hanno quindi le mani libere, si maschera dietro questioni morali. La Siria è un paese che dà fastidio, perché legata all’Iran, che è l’arcinemico, non si capisce poi bene il perché, degli Stati Uniti e di Israele. Tra l’altro non si sa affatto se Assad ha usato armi chimiche, ci sono gli ispettori Onu per questo, o l’Onu non conta nulla? Evidentemente non conta nulla perché quando serve c’è il cappello Onu, se non c’è il cappello Onu si aggredisce lo stesso. Questo è avvenuto in Serbia nel ‘99, in Iraq nel 2003 e in Libia recentemente. Tutte azioni e aggressioni senza nessuna copertura Onu. Si dovrebbe per lo meno aspettare la relazione degli ispettori. C’è un precedente che dovrebbe consigliare prudenza – non dico agli Stati Uniti che non ne hanno, ma ai suoi alleati, ed è quello dell’Iraq – dove sostenevano che Saddam Hussein avesse le armi chimiche, di distruzione di massa, e poi non le aveva. Certo, lo sostenevano perché gliele avevano date loro a suo tempo, gli Stati Uniti, in funzione anti-sciita e anti-curda, però non le aveva più perché le aveva usate ad Halabja, gasando cinquemila curdi.
Chi sta combattendo in Siria? Da una parte c’è il governo di Assad che, fino a prova contraria, è un governo legittimo, rappresentato all’Onu, e dall’altra Obamaparte c’è un coacervo di forze tra le più disparate: è difficile anche per gli analisti più attenti capire chi sono, sono tanti segmenti. Non Al-Qaeda, che non esiste, ma ci sono gli jihadisti che sostengono una guerra totale all’Occidente, per esempio. Quindi l’intervento sarebbe controproducente, ma siccome gli americani si sono erti a poliziotti del mondo e decidono chi ha torto e chi ragione, questo li spinge a intervenire comunque. Tra l’altro, questa superiorità morale degli americani… John Kerry ha detto che quello che avviene in Siria è una oscenità morale: beh, l’oscenità morale secondo me è degli Stati Uniti. Chi ha usato veramente le armi di distruzione di massa? Parliamo del ‘900 e di adesso: gli americani a Hiroshima e Nagasaki. C’è da tenere presente che Nagasaki, cosa che non si sa, fu bombardata tre giorni dopo Hiroshima, per cui si sapeva che strage si faceva con la bomba atomica.
Questo diritto morale degli americani di intervenire ovunque non è una storia che nasce oggi, nasce per lo meno dalla Serbia, cioè dal ‘99, e continua con l’Iraq, con la Libia, senza contare le due aggressioni alla Somalia, una nel 2002 e l’altra attraverso l’Etiopia nel 2008-2009. Chi finanzia i ribelli in Siria? Li finanziano l’Arabia Saudita, laFrancia, gli stessi Stati Uniti. Siccome utilizzano la loro potenza dietro lo schermo della moralità, il fatto che sia possibile che Assad abbia usato armi chimiche li “costringe” a intervenire: Obama aveva tracciato una linea rossa, ma chi lo autorizza a tracciare linee rosse in altri paesi? Gli americani hanno sfondato un principio di diritto internazionale che era valso fino a qualche decennio fa, quello della non-ingerenza negli affari interni di uno Stato sovrano. I diritti umani sono il grimaldello con cui in realtà intervengono dove vogliono e quando vogliono, anche perché non hanno più contraltare, la Russia non è più una Gorbaciov e Putinsuperpotenza. Siamo costretti a rimpiangere tutto, anche la vecchia e cara Unione Sovietica, perché almeno faceva da muro alla potenza di costoro.
La cosa curiosa è che in questa “compagnia” di gente molto morale, molto democratica, c’è l’Arabia Saudita che è nota per essere un paese rispettoso dei diritti umani, soprattutto quelli delle donne, quindi già questo dice quale sia la vera situazione. Gli inglesi hanno responsabilità enormi in Medio Oriente: se tu vai per esempio a Teheran, senti dire “morte agli inglesi”; comprendono anche gli americani, ma in particolare gli inglesi: perché? Perché hanno fatto il bello e cattivo tempo per un secolo in quella regione, potenza coloniale com’erano. Mi ricordo che il sindaco di Londra, Livingstone, molto amato dai sui cittadini, dopo gli attentati londinesi di qualche anno fa (attribuiti a Al-Qaeda, in realtà erano terroristi locali) disse: «Sì, certo, gli attentati terroristici sono inaccettabili, però se gli arabi avessero fatto in Gran Bretagna quello che abbiamo fatto noi per un secolo nel mondo arabo io sarei un terrorista inglese». Gli inglesi marciano di conserva con gli americani – si può anche capire, per i legami; quello che non si capisce è la Francia, con queste sue idee di grandeur che abbiamo visto quanto valessero durante la Seconda Guerra Mondiale, con la linea Maginot aggirata in cinque giorni.
Adesso che può agire liberamente – siano socialisti, come Hollande, o conservatori come Sarkozy – la Francia fa una politica di potenza. In Libia è stata soprattutto la spinta francese a combinare il disastro, perché sparito Gheddafi si sono scatenate faide interne di tutti i tipi. Le armi di Gheddafi sono finite ovunque, poi i francesi sono intervenuti in Mali perché gli islamisti stavano conquistando il Mali e questo non gli andava bene perché il dittatore maliano era un loro alleato.  La superiorità tecnologica occidentale permette di tutto. Lo scandalo maggiore (non è argomento di questa conversazione) è l’Afghanistan, dove da 12 anni il segretario di Stato americano John Kerry ha detto che dopo questa vicenda di Damasco, di questo quartiere, vedendo il padre che cercava di salvare i figli, si è messo a piangere. Perché non piange per le migliaia di bambini e bambine uccisi inAfghanistan, strage di bambini provocata dai raid NatoAfghanistan per i bombardamenti dissennati della Nato, americani in testa, di cui peraltro noi italiani siamo complici!
Possibili sviluppi? Se intervengono militarmente in Siria, il rischio è che si scateni la Terza Guerra Mondiale. Perché credo che l’Iran, alleato della Siria, non resterà inerte. E anche la Russia non potrà rimanere ferma, e comunque si incendierà tutta la regione. Tutti questi interventi si sono sempre risolti in altri massacri. Prendiamo l’Iraq: l’intervento americano ha causato direttamente o indirettamente tra i 650.000 e i 750.000 morti. Il calcolo è stato fatto molto semplicemente da una rivista medica inglese, che è andata a vedere i decessi durante l’epoca Saddam e i decessi durante il periodo dell’occupazione americana, e quindi la cifra più o meno è questa. Quello che è peggio è che, avendo squinternato questo paese, si è scatenata una guerra tra sunniti e sciiti che causa centinaia di morti la settimana, di cui nessuno parla, perché intanto chi se ne frega. Ormai gli occupanti americani non ci sono più. Quindi ogni intervento cosiddetto umanitario si risolve in una strage umanitaria.
E’ quello che è successo quando intervennero gli americani e parte degli europei nella guerra Iraq-Iran. Gli iraniani stavano per conquistare Bassora, che avrebbe voluto dire la caduta immediata di Saddam Hussen. Si disse che non si poteva permettere alle “orde iraniane” di entrare a Bassora – perché quelle degli altri sono sempre “orde”. Che cosa ha causato quell’intervento? La guerra, che sarebbe finita nell’85 con un bilancio di mezzo milione di morti, è finita tre anni dopo con un bilancio di un milione e mezzo di morti. Saddam Hussein, che sarebbe caduto all’istante con la conquista di Bassora, è rimasto in piedi pieno di armi fornite dagli Stati Uniti e dagli occidentali. Macelleria IraqChe cosa fa una rana con un grattacielo di armi sopra? La rovescia nel primo posto che gli capita, quindi Kuwait e quindi PrimaGuerra del Golfo.
La storia dei missili intelligenti è grottesca. La prima volta che comparvero questi bombe chirurgiche, missili intelligenti, fu nella Prima Guerra del Golfo, nel ’90. Ebbene, questi missili intelligenti e bombe chirurgiche hanno fatto 166.000 morti civili, di cui 33.000 bambini, che non sono meno bambini dei nostri bambini. E’ un dato che continuo a ripetere, quando posso; è un dato accertato, perché è uscito da una fonte insospettabile, che è il Pentagono. E questi sono i missili intelligenti e gli interventi mirati? Non si può credere agli americani né sulle armi chimiche, perché c’è il precedente dell’Iraq, e non si può credere ai missili mirati perché mirati non sono affatto.
L’intervento è illegittimo da tutti i punti di vista. C’è sempre la storia dei due pesi e due misure. In Egitto un governo eletto democraticamente è stato abbattuto dall’esercito finanziato dagli Stati Uniti da sempre, per cui c’è stato un colpo di Stato, ma lì si sta zitti, perché i Fratelli Musulmani non sono nostri amici, anche se non sono affatto estremisti. Secondo me nelle guerre civili bisognerebbe che fosse il verdetto del campo a decidere. A un certo punto, se Assad è effettivamente detestato dalla sua popolazione prima o poi cade. Dev’essere il campo a decidere, qualunque intervento Massimo Finiesterno in realtà non fa che aggravare e complicare la situazione. Perché poi gli uni portano le armi a quelli, gli altri a quegli altri e così via, e la cosa si prolunga invece di finire in tempi ragionevoli. Le uniche soluzioni lecite sono quelle diplomatiche, quando si possono fare; se non ci sono, le due parti hanno diritto di battersi. Adesso non c’è neanche più il diritto di battersi. Io non so se in Siria abbia più ragione Assad a difendere il suo potere o gli altri a volerlo abbattere. E’ il campo che deve decidere, perché sennò si creano sempre situazioni totalmente provvisorie. E’ come la Bosnia, appunto, che può esplodere in ogni momento perché è stata una soluzione totalmente artificiale.
(Massimo Fini, “La Siria e la Terza Guerra Mondiale”, dal blog di Grillo del 29 agosto 2013).