spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

sabato 25 gennaio 2014

La Ferrari F14-T

La Ferrari F14-T

Svelata a Maranello la Ferrari F14-T:
sarà la monoposto della rivincita
E' la sessantesima monoposto realizzata dal cavallino per il Campionato del Mondo di F1.Monta un nuovissimo V6 sovralimentato da 1,6 litri con recupero di energia in grado di arrivare a 15 mila giri, il cambio è ad otto rapporti.




MARANELLO - «Sono molto contento di avere due piloti così. Kimi è stato l'ultimo a vincere il Mondiale di F1, e Fernando ha fatto in questi anni stagioni straordinarie, ma sono stufo e siamo stufi di arrivare secondi».Così il presidente Ferrari, Luca di Montezemolo saluta il debutto della nuova F 14T, la sessantesima monoposto costruita dalla scuderia di Maranello per partecipare al Campionato del Mondo di Formula 1. Il nome indica l’anno di costruzione e la presenza del turbocompressore nel motopropulsore. «È una squadra rinnovata, concentrata con due piloti molto forti, veloci, che sanno che devono correre non per loro ma per la Ferrari».

RedBull nel mirino. La sfida è naturalmente tenere nel mirino la RedBull del quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel, e Fernando Alonso non si nasconde: «Come squadra penso siamo forti. Sia Kimi che io abbiamo avuto un successo in F1 in passato, però in tutte le stagioni si parte da zero. Tocca a noi ora fare il meglio possibile». Circa la Filosofia di uan vettura figlia di una profonda rivoluzione regolamentare, il pilota asturiano è chiaro, «ci sono dei cambiamenti quest'anno che sicuramente comportano un pò di cambiamenti anche di stile di guida, con regole molto diverse. Siamo tutti un pò curiosi di sapere come sarà questa nuova Formula 1»

L'arma della rivincita. La sigla F14 T indica l’anno di costruzione e la presenza del turbocompressore nel motopropulsore. Questo progetto, identificato dal codice interno 665, ha mosso i suoi primi passi più di due anni fa. La stagione 2014 è infatti caratterizzata da una delle più importanti rivoluzioni tecniche nella storia della Formula 1, un cambiamento radicale che ha coinvolto tutti gli aspetti progettuali della nuova vettura.

Esternamente la vettura è molto diversa dalle monoposto viste negli ultimi anni: le modifiche regolamentari hanno obbligato i progettisti ad abbassare per motivi di sicurezza sia il telaio che il musetto, dando alla F14 T un aspetto molto diverso dalla F138. Una delle numerose sfide tecniche affrontate in questo progetto è stata quella del riposizionamento della sospensione anteriore in una scocca molto più bassa rispetto a quella precedente. L’ala posteriore non ripropone alcun particolare simile alle precedenti versioni. I nuovi regolamenti hanno imposto tre modifiche rispetto allo scorso anno, richiedendo una corsa più ampia del sistema DRS, una minore profondità dell’ala posteriore e, infine, la rimozione del profilo alare inferiore. Quest’ultima modifica ha richiesto la realizzazione di una struttura in posizione centrale per sostenere il profilo principale dell’ala.

La nuova vettura ha necessità di raffreddamento completamente diverse rispetto alla precedente e ha richiesto profondi studi. I radiatori dedicati ad acqua e olio-motore sono di dimensioni ridotte rispetto al passato, come richiesto dalle minori esigenze di raffreddamento del motore termico V6 posto all’interno del motopropulsore. Ai progettisti è stato anche richiesto di collocare nella vettura l’intercooler per il nuovo sistema turbo-compressore e di gestire lo smaltimento del calore delle componenti dell’ERS, molto maggiore rispetto al precedente sistema di recupero dell’energia cinetica. Una maggiore capacità di raffreddamento equivale a disporre di potenza superiore ma il tutto va a scapito del carico aerodinamico: i progettisti hanno dovuto pertanto trovare il giusto compromesso tra livello di raffreddamento e carico aerodinamico.

Meccanica raffinata. Il motopropulsore 2014 produrrà picchi di potenza maggiori rispetto ai propulsori 2013, garantendo un valore di coppia superiore ad un numero di giri inferiore. Il regolamento in vigore da questa stagione impone inoltre di fissare una scelta di soli otto rapporti da utilizzare per tutta la durata del campionato. Un obbligo che ha avuto un impatto importante sui sistemi di trasmissione, risultati molto differenti rispetto alle precedenti generazioni. La trasmissione della F14 T è stata progettata con l’obiettivo di assicurare una buona efficienza e, soprattutto, un alto livello di affidabilità.

I dati tecnici
Telaio in materiale composito a nido d'ape con fibra di carbonio; - Cambio longitudinale Ferrari; - Differenziale autobloccante a controllo idraulico; - Comando semiautomatico sequenziale a controllo elettronico con cambiata veloce; - Numero di marce ....8 +Rm; - Freni a disco autoventilanti in carbonio Brembo (ant. e post.) e sistema di controllo elettronico sui freni posteriori; - Sospensioni indipendenti a tirante e molla di torsione anteriore/posteriore; -

Motore
Cilindrata 1600 cc; - Giri massimi 15'000; - Sovralimentazione Turbo singolo; - Portata benzina 100 kg/hr max; - Quantità benzina 100 kg; - Configurazione V6 90 ; - Nr. cilindri 6;

SIstema Ibrido /ERS
Potenza MGU-K 120 kW