spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

giovedì 23 gennaio 2014

rottamando....Berlusconi indagato con i suoi legali: "Testimoni corrotti al processo Ruby"

Berlusconi indagato con i suoi legali: ''Testimoni corrotti al processo Ruby''
 Pubblicato Giovedì, 23 Gennaio 2014 16:56






L'ex premier nel mirino della Procura di Milano con gli avvocati Ghedini e Longo: 45 in tutto i nomi iscritti nel registro degli indagati per l'inchiesta 'Ruby ter'. L'ipotesi di reato: corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza.

ruby-processo-berlusconi 650x447L'ex premier Silvio Berlusconi e i suoi difensori, gli avvocati Niccolò Ghedini e Piero Longo, sono indagati a Milano nella inchiesta cosiddetta 'Ruby ter'. Ma nella nuova indagine che sta nascendo in Procura ci sono anche il cantante Apicella, Ruby, il suo avvocato e le 'olgettine'. Politici e giornalisti, cantanti e poliziotti: 45 persone in tutto, molti sono i testimoni del processo Ruby bis accusati di aver detto il falso. A occuparsi dell'inchiesta non sarà Ilda Boccassini che ha rinunciato all'inchiesta, perché, riferisce il procuratore capo Edmondo Bruti Liberati, "ha altri impegni più pressanti".

Berlusconi e la corruzione. Saranno dunque l'aggiunto Pietro Forno e il pm Luca Gaglio a seguire le indagini. Berlusconi è "gravemente" indiziato del reato di "corruzione in atti giudiziari" (rischia, in caso di condanna, fino a 10 anni di carcere) per aver pagato il silenzio non solo delle ragazze chiamate a testimoniare sulle serate ad Arcore, ma anche e soprattutto di Ruby alla quale - questa è l'ipotesi - avrebbe promesso "un ingente compenso se avesse taciuto o 'fatto la pazza'". In questo contesto di "contaminazione probatoria", la ragazza intercettata al telefono ha detto che stava aspettando "5 milioni" di euro dall'ex premier. Per il processo Ruby, Berlusconi è già stato condannato a 7 anni e all'interdizione perpetua dai pubblici uffici.

La paga alle Olgettine. Il Cavaliere, secondo i giudici, è "colui che elargiva il denaro", circa 2.500 euro al mese per ciascuna delle 18 ragazze, ora indagate per falsa testimonianza e corruzione in atti giudiziari, che hanno preso parte alle serate di Arcore. Versamenti che Berlusconi ha sospeso giusto qualche settimana. Berlusconi, inoltre, avrebbe corrotto anche un'altra giovane, la giornalista di Mediaset Silvia Trevaini, la quale, oltre al compenso mensile, ha ricevuto il "regolare stipendio" e, nel corso degli anni, una serie di extra, la cifra è intorno agli 800 mila euro, che le sono serviti per acquistare tre appartamenti, due dei quali nel centro di Milano. In più, per lei l'ex premier avrebbe comprato varie "autovetture".

Gli altri indagati. Dal commissario di polizia, Giorgia Iafrate, all'ex viceministro degli Esteri Bruno Archi, dall'ex sottosegretario Valentino Valentini, fino all'europarlamentare Licia Ronzulli alla deputata e collaboratrice di Berlusconi, Maria Rosaria Rossi, all'ex massaggiatore del Milan ed ex consigliere regionale Giorgio Puricelli. Sono alcuni degli indagati per falsa testimonianza. Tra questi ci sono anche Carlo Rossella, presidente di Medusa, il cantante e amico di una vita dell'ex premier, Mariano Apicella, e il pianista Danilo Mariani. Il padre di Ruby è invece finito sotto inchiesta per avere negato di essere a conoscenza delle serate, delle frequentazioni e dei 'compensi' presi dalla figlia. Indagata anche Diana Maria Osorio Iriarte, giovane colombiana, accusata di falsa testimonianza e calunnia.

La posizione di Ghedini e Longo. L'accusa di corruzione in atti giudiziari riguarda anche gli storici difensori dell'ex premier. Ed è relativa, in particolare, alla convocazione delle 'olgettine' ad Arcore il 15 gennaio 2011 (all'indomani delle perquisizioni della Procura) in vista delle loro deposizioni al processo "a favore" dell'ex premier. I due legali sono indagati, in particolare, "per aver partecipato nella loro qualità di difensori". Sono 18 le ragazze che hanno risposto alla convocazione e si sono presentate a Villa San Martino quel giorno. Ecco il commento dei due difensori, dopo aver appreso la notizia: "E' un atto dovuto" e si dicono certi che il tutto finirà con "una richiesta di archiviazione".

Le ragazze di Arcore. Nell'inchiesta ci sono anche l'ex legale di Ruby, Luca Giuliante, il cantante preferito del Cavaliere, Mariano Apicella, la giornalistadi Mediaset Elisa Toti. L'elenco, desumibile dalle sentenze 'Ruby' e 'Ruby bis', ci sono molte ragazze che hanno partecipato alle serate di Arcore: Roberta Bonasia, Claudia Ioana, Iris Berardi, Lisney Barizonte, Francesca Cipriani, le gemelle Eleonora e Concetta De Vivo, Arisleida Espinosa, Barbara Faggioli, Manuela e Marianna Ferrera, Marystelle Polanco, Raissa Skorkina, Giovanna Rigato. Tutte avevano parlato di serate 'normali' dall'allora premier, dove non accadeva nulla di osè.