spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

lunedì 6 gennaio 2014

SIRIA: TORTURE NELLE CARCERI SEGRETE

Siriani descrivono brutali torture carcere
Amnesty International dice che le forze governative sono responsabili di "un catalogo impressionante di abusi" in carceri segrete.
Brenda Stoter Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2013 10:08

Combattenti ribelli sono stati implicati nel torturare i detenuti come continua la guerra civile [AFP]



Attivista siriano Jad Bantha è tornato a Damasco dopo un lungo periodo di vita all'estero. Voleva partecipare alla rivoluzione e ha iniziato a frequentare le proteste. Un giorno, dopo aver fatto tanto nei primi mesi del 2011, è stato prelevato dalla sua casa, davanti ai suoi genitori, dalle forze di sicurezza fedeli al presidente Bashar al-Assad. Ha detto loro di non preoccuparsi. "La prima settimana mi era appena stata tenuta, ma quando ho rifiutato di dare loro informazioni sui miei amici hanno iniziato a torturarmi, mi umiliare,'' il 32-year-old siriano, chi non lo fa vuole il suo vero nome pubblicato ha detto ad Al Jazeera. "Mi hanno impiccato dalle mie mani verso il soffitto per otto giorni. I miei piedi erano gonfi e non ho potuto sentire loro più. Avevo paura che avevano bisogno di essere amputata.'' In questi due mesi di detenzione, Jad ha detto che è stato torturato in diversi modi. A volte, quando ha chiesto per l'acqua, agenti dei servizi segreti lo hanno "waterboarding". Secondo lui, questo metodo di tortura comprende elettricità e acqua, ed era il metodo più doloroso di tutti. "Mi sentivo rotto e non mi interessa la mia vita più. Ho pensato di morire in carcere'', ha detto durante un'intervista con Skype da Damasco.  Ma lui non ha. Dopo alcune settimane, Jad è stato rilasciato. Ma invece di lasciare il paese, ha iniziato a lavorare come ricercatore diritto umano.

'Le mie mani erano legate'

Purtroppo, la storia si è ripetuta il 2 novembre 2013, quando fu catturato di nuovo dalle forze governative mentre si scattano foto in autostrada Harasta, la strada per Homs. "Sono stato ferito durante gli scontri tra l'esercito siriano libero (FSA) e le truppe di Assad. Quando mi sono svegliato, mi sono trovato in una base militare. mie mani erano legate e piedi incatenati,'' ha detto Jad.














Due settimane più tardi, egli è stato rilasciato quando la FSA ha assunto la base militare. Tuttavia, ha detto che il regime siriano arrestato i suoi genitori il 22 dicembre per punirlo per sfuggire prima. "Vogliono che io rivolgo me stesso dentro Ora, io non so dove i miei genitori sono e cosa devo fare'', ha concluso . In Siria, non è difficile trovare le vittime di detenzione illegale e la tortura. attivisti siriani e di altri cittadini sono scomparsi in detenzione segreta come parte di una "diffusa campagna di terrore contro la popolazione civile" da parte del governo siriano, gli investigatori delle Nazioni Unite hanno detto indipendenti . Alcuni sono stati rilasciati, ma altri sono introvabili. "Quando stavo lavorando in un campo profughi in Barzeh, a Damasco, uno dei miei colleghi è stato catturato in un posto di blocco militare nel mese di agosto 2012. Non abbiamo sentito nulla da lui in quanto,'' 24-year-old donna Afraa Salem, che non vuole il suo vero nome per essere pubblicato, ha detto ad Al Jazeera durante un'intervista ad Amman, in Giordania.  operatori umanitari sono anche vittime di frequenti attacchi contro la popolazione civile, Afraa detto. Dopo che il suo collega è stato rapito, aveva sentito da diverse persone che il Mukhabarat, il servizio segreto di Siria, faceva domande su di lei. Alla fine del 2012, Afraa le valigie e lasciato la Siria per sempre. Ora vive in un paese vicino. "Se vieni arrestato, c'è una buona probabilità che non vedrà mai più la luce del giorno,'' ha detto. Afraa ricorda l'13-anno-vecchio ragazzo che vendeva le sigarette per le strade di Damasco, solo per fare una vita durante la guerra. "Ero abituato a vedere quel ragazzo ogni giorno, fino a quando la polizia lo ha arrestato. Lo hanno torturato così gravemente che ha dovuto recuperare in ospedale per settimane.'' Combattenti ribelli sono stati accusati di aver torturato i detenuti. 

'Difficile dare risposte'

Simon Schorno dal Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) gestisce le accuse di arresto, lavorando per ricercare e chiarire quanto è successo alle persone interessate. Rappresentanti nel il paese visitare quelle fermate o arrestate il più rapidamente possibile, al fine di garantire che le condizioni in cui si svolgono i detenuti sono conformi alle norme nazionali e internazionali. Le informazioni vengono poi riferito alla famiglia. "Ma ad essere onesti, documentare è l'unica cosa che possiamo fare ora. Le autorità siriane non ci permettono di visitare i prigionieri e quasi non ci danno alcuna risposta sui singoli casi," Simon ha detto ad Al Jazeera in un'intervista telefonica da Damasco. Secondo CICR, decine di migliaia di siriani sono mancanti, molto probabilmente detenuti. Questi numeri includono attivisti, combattenti dell'opposizione, giornalisti, civili e gli operatori umanitari. La maggior parte dei detenuti sono stati gli uomini, ma le donne ei bambini non sono stati risparmiati. Siri diffondere le immagini dei loro cari scomparsi su Twitter e Facebook, sperando che qualcuno ha informazioni sulla loro situazione.



Riflettore
In approfondimenti di escalation di violenza in tutta la Siria
Noura al Jizawi, un attivista per i diritti umani, per esempio, è stato sequestrato dalle forze di sicurezza siriane il 28 marzo 2012 mentre andava ad un deposito di transito. Al Jizawi è stato tenuto in un luogo sconosciuto dove i suoi avvocati e la famiglia sono stati in grado di parlare o vederla. I sopravvissuti di sparizioni forzate costantemente descritti la tortura come parte della loro detenzione. Twenty-year-old Hadi Tammas studiava a Latakia, quando uomini armati sono entrati nella sua dormitorio e arrestati tutti gli studenti dentro. "Non era nemmeno la tortura stessa che lo ha rotto. I suoni di altri prigionieri che sono stati torturati erano molto peggio, ha detto. Urlarono non-stop e pregavano per la loro vita,'' Rifaie Tammas, il fratello di Hadi, ha detto Al Jazeera in un'intervista via skype. Hadi era in detenzione per 24 ore, ma è stato torturato non-stop, suo fratello ha detto . Tengono la testa in una ciotola di acqua, fino a che quasi soffocato. Successivamente, hanno legato mani e piedi e ha iniziato a tirare i suoi arti in direzioni diverse, cercando di dislocare loro.

«abusi Shocking"

Dopo il suo rilascio, Hadi lasciò il suo studio e si unì l'Esercito siriano libero. E 'morto durante una battaglia, proprio come suo padre e suo zio. "Quando il regime ha vinto di nuovo Quseir in estate, hanno arrestato decine di civili, anche vecchi, per nessun motivo. ho smesso di contare il numero di persone scomparse, perché non ci sono tanti,'' Rifaie detto. Quseir è una città nella Siria occidentale, a 35 chilometri da Homs, ed è strategica sia per il governo e per i ribelli che lo tennero per oltre un anno. Era il teatro di uno degli scontri più feroci in quasi tre anni di conflitto. Anche se le vittime difficilmente parlano di stupro durante la loro detenzione, diversi casi sono stati segnalati in quanto la rivolta siriana. Secondo Afraa anche questa è una tattica comune per mettere a tacere l'opposizione, così come altre forme di tortura. "Il mio amico maschio, che è stato arrestato diverse volte, è stata violentata dalle guardie durante la sua detenzione, e so che alcune ragazze che si sono violentate pure. Ma il problema in Siria è che difficilmente si sente vittime di parlarne. Si sentono vergogna e pensano che sia colpa loro, soprattutto gli uomini,'' Afraa ha detto ad Al Jazeera. maggior parte dei testimoni hanno identificato agenti dei servizi segreti siriani, soldati e milizie filo-governative come quelli che detengono, torture e stupri di civili, ma l'Onu ha detto che alcuni gruppi armati nel nord della Siria, come lo Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (ISIL), rapiscono anche le persone. In un rapporto separato, con sede a Londra Amnesty International ha detto che gruppi armati stavano perpetrando "un catalogo impressionante di abusi" nelle carceri segrete tutto il nord Siria, compresa la tortura, la fustigazione e uccisioni dopo processi sommari.