spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

giovedì 5 dicembre 2013

CALDEROLI DENUNCIA NELLO SPECIFICO IL CONDIZIONAMENTO DELLA CONSULTA DA PARTE DEL QUIRINALE.

L. elettorale. Calderoli: Consulta incredibile, agisce secondo volere Napolitano

  • 5 dicembre 2013
  •  
  • 09.21


Roma, 5 dic. (TMNews) – L’intervento della Corte Costituzionale che ha amputato il Porcellum di premio di maggioranza e liste bloccate “è una decisione per far vivere il Governo Letta che, teoricamente, in assenza di una nuova legge elettorale, potrebbe pure superare il limite della legislatura: questo può capitare solo con lo stato di guerra. Ed è incredibile che accadono cose del genere”. L’ex ministro leghista per le Riforme Roberto Calderoli, padre del Porcellum elettorale, punta il dito contro Consulta e Quirinale per l’imprevista decisione sulla riforma della legge elettorale.
“È evidente – ha accusato Calderoli ad Agorà, mettendo in relazione Capo dello Stato e decisione della Corte- che c’è un presidente della Repubblica che non vuole il voto, ma vuole sostenere il Governo Letta. Domenica ci sarebbero state le primarie con la presumibile vittoria di Renzi, che non vede l’ora invece di andare al voto: è chiaro che con questa mossa della Consulta si spiazza Renzi, si spiazza Berlusconi e si spiazza Grillo”.