spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

lunedì 7 ottobre 2013

GIUSEPPE DI BELLO: LA MIA COLPA E' DI ESSERE STATO ONESTO.

GIUSEPPE DI BELLO
un accorato messaggio ai cittadini lucani





Avevo preparato una bella lettera magari la mando in un altro momento, ci sono tante cose da scrivere e non si può fare in sole due righe. Nel rispetto di quanti e sono tanti, che hanno votato per me e nel rispetto della gente comune che crede nelle battaglie che porto avanti, questo a prescindere dal movimento anzi molti non lo sono affatto. Io non faccio più parte del movimento 5 stelle. Potrò un giorno valutarne il rientro quando non ci saranno Grillo e Casaleggio a fare la parte dei padroni.
Ad un uomo si può chiedere tutto non la propria testa ne' di subire il trattamento cui sono stato mio malgrado sottoposto. Grazie a tutti e per quanto mi riguarda, spero almeno che da questa assurda storia ne esca fuori del bene x quanti malauguratamente dovessero viverla in futuro.


Occorre che in tanti si lanci il sasso in tal senso, qui di chiaro c'è che Grillo ha ricevuto l'ordine che niente deve cambiare in Basilicata questa e' la verità. Vogliamo opporci? Bene allora dimostriamo di avere schiena e lanciamo la sfida.


CON LA PUBBLICAZIONE DELLA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE INVIATA DA GIUSEPPE DI BELLO ALLO STAFF, A BEPPE GRILLO, A GIANROBERTO CASALEGGIO E AI PARLAMENTARI DEL MOVIMENTO SPERO CHIUSA OGNI DISCUSSIONE SULL'ARGOMENTO. 
LO STAFF GIA' A PARTIRE DAL GIORNO 13 SETTEMBRE CONOSCEVA ESATTAMENTE LA POSIZIONE DI GIUSEPPE DI BELLO.

--- Messaggio inoltrato ----------
Da: giuseppe di bello
Date: 13 settembre 2013 17:12
Oggetto: Fwd: fatti
A: segnalazioniblogbeppegrillo@googlemail.com, listeciviche@beppegrillo.it, parlamentari@beppegrillo.it, MoVimento5stelle@beppegrillo.it

URGENTE 

Buona sera a tutti, sono Giuseppe Di Bello il Tenente della Polizia Provinciale che salì sul palco chiamato da Beppe e dalla porta voce alla Camera Mirella Liuzzi e che esattamente 3 giorni ebbe in restituzione dal Prefetto di Potenza, la qualifica di PG e di PS e tutte le indennità relative che mi erano illegittimamente state sottratte senza dover fare alcun ricorso al TAR .
Si trattò di un caso più unico che raro nella storia di questo Paese, oggi sono a porvi questo interrogativo e vi chiedo scusa se lo faccio all'ultimo momento. Il quesito è il seguente il sottoscritto venne denunciato dall'assessore regionale all'ambiente del PD Vincenzo Santochirico per aver diffuso le Analisi chimiche delle acque destinate ad uso umano dell'invaso del Pertusillo per intenderci quello ubicato nelle immediate prossimità dei pozzi di estrazione petrolifera e del centro di prima raffinazione di Viggiano (PZ). I fatti scientificamente dimostrarono che avevo ragione, dopo pochi mesi dalla mia segnalazione morirono migliaia di pesci e le acque dell'invaso furono invase dell'alga rossa. Tutti i massimi esperti contattati dissero che si trattava di inquinamento e che andavano informati i cittadini e l'Istituto Superiore della Sanità, dando con questo ragione a me e torto a chi mi aveva denunciato. 
Di seguito solo alcuni dei link perché sono centinaia gli articoli, i video ed i dossier che possono raccontare questa come altre vicende tutte avviate dall'attività di volontariato auto finanziato che ha fatto scoprire la verità ai Lucani ed all'intera Nazione:
 http://basilicata.basilicata24.it/cronaca/prefetto-assolve-tenente-bello-6995.php
http://www.corriere.it/inchieste/oro-nero-che-italia-rende-poveri/66d3009e-d108-11e2-9e97-ce3c0eeec8bb.shtml
Questo il Comizio di Beppe a Potenza il 20 gennaio dove intervengo per raccontare la vicenda: 

Per questa ragione ho avuto una sentenza di primo grado a due mesi e 20 giorni che io ritengo a tutti gli effetti una sentenza politica, perché le analisi le ho fatte durante le ferie, con soldi e mezzi propri. inoltre per la polizia locale non esiste alcun obbligo fuori dall'orario di lavoro di segreto di ufficio, a maggior ragione se quei soldi li ho messi io, per di più la sentenza parla di reato di concorso ma non esiste alcuna condanna del giornalista che ha diffuso la notizia e questo è un altro motivo perché la sentenza non mi è stata messa a ruolo e non avendo avuto mai nessun altro tipo di problema il mio casellario giudiziario è pulito.
Per onestà mia ho fatto io ricorso per l'appello per un risarcimento economico del danno subito da devolversi a spese per nuove analisi per l'acqua e l'aria della mia regione.
Questo appello che allego unitamente al casellario giudiziario pulito è un ostacolo alla mia candidatura a porta voce presidente della regione Basilicata alle prossime regionali? 

Vi chiedo la gentilezza se è possibile di ricevere una risposta entro la mattina di domenica 15 settembre in quanto per quella data è prevista l'assemblea da cui usciranno i 21 nomi dei candidati alle regionali di Basilicata. 
Grazie e buon vento a tutti 
Giuseppe Di Bello