spirito critico

PENSATOIO DI IDEE

domenica 1 dicembre 2013

Migranti, barcone alla deriva al largo di Crotone. Il maltempo impedisce i soccorsi

Migranti, barcone alla deriva al largo di Crotone. Il maltempo impedisce i soccorsi

L'allarme è stato dato da un cittadino egiziano con un telefono satellitare. A bordo dell'imbarcazione si trovano circa cento persone, anche donne e bambini. La situazione è monitorata dai mezzi della guardia costiera e della marina militare, ma si potrà intervenire solo quando miglioreranno le condizioni meteo





l'abbandono e l'indifferenza sui problemi meridionali



Un barcone con a bordo un centinaio di migranti, tra i quali donne e bambini, è alla deriva dall’alba di oggi a circa 75 miglia a sud-est di Crotone. Nell’area è in corso una forte perturbazione che determina mare forza 7-8 e vento fino a 50 nodi. Per soccorrere i migranti è in corso un’operazione coordinata dal Comando Generale delle Capitanerie di Porto, alla quale partecipano la Guardia Costiera, la Marina Militare e alcuni mercantili in navigazione nella zona. L’allarme è stato dato con una telefonata satellitare da un cittadino egiziano.
Il mezzo è privo di propulsione ed in balia del fortissimo vento e del mare molto mosso. Le previsioni meteorologiche non sono favorevoli: la burrasca continuerà ancora per ore e solo in serata è previsto un lieve miglioramento: sarà allora che si valuterà la possibilità di raggiungere i migranti e di trasferirli su un’altra unità. In caso di impossibilità di intervenire, si attenderà fino a domattina quando è previsto un più marcato miglioramento delle condizioni meteo-marine.
La centrale operativa di Roma delle Capitanerie di Porto ha disposto il decollo immediato di un elicottero AV139 per il soccorso d’altura che, volando in condizioni molto difficili a causa del vento, è riuscito a localizzare il barcone. Con le persone a bordo vi è stato un contatto telefonico: dal peschereccio hanno fatto sapere di essere un centinaio, tra loro alcune donne e alcuni bambini, e che le condizioni di salute sono buone. Nell’area sono stati dirottati sette mercantili, quattro dei quali hanno rapidamente raggiunto il barcone, senza tuttavia poter intervenire a causa delle onde altissime, per il rischio di collisione o di determinare il rovesciamento dell’unità in difficoltà. La presenza intorno al barcone dei mezzi di soccorso ha finora evitato situazioni di panico a bordo dell’unità in difficoltà.
Stanno anche dirigendosi nella zona una nave della Guardia Costiera, che ha in dotazione quattro grandi gommoni che possono rapidamente essere calati in acqua, e cinque motovedette, salpate da Roccella Jonica, Crotone, Gallipoli, Siracusa e Pozzallo: le più veloci stanno sfidando il mare forza 8 procedendo ad una velocità che sfiora i 30 nodi. Anche la fregata Grecale, della Marina Militare – attiva nell’ambito dell’operazione Mare Nostrum – si sta dirigendo a prestare soccorso al barcone. La situazione è controllata dall’alto, oltre che dall’elicottero, anche da un aereo della marina militare, da uno della Guardia Costiera, dotato di zattere gonfiabili che possono essere lanciate in caso di grave emergenza.